A.S. 2019 – 2020 Recupero e Valutazione materie insufficienti

news3

ANNO SCOLASTICO 2019 – 2020

Recupero e valutazione degli studenti ammessi alla classe successiva con valutazioni insufficienti 

               In relazione alle attività di recupero e di valutazione degli studenti ammessi alla classe successiva con valutazioni insufficienti,
si richiama quanto previsto dalla

Ordinanza Ministeriale n.11 del 16/5/20.

Art 3

c 3. Gli alunni della scuola secondaria di secondo grado sono ammessi alla classe successiva in deroga alle disposizioni di cui all’articolo 4, commi 5 e 6, e all’articolo 14, comma 7 del  Regolamento.

c 4. Nel verbale di scrutinio finale sono espresse per ciascun alunno le eventuali valutazioni insufficienti relative a una o più discipline. (..). Per l’attribuzione del credito, nel caso di media inferiore a sei decimi (6/10) per il terzo o il quarto anno, è attribuito un credito pari a 6, fatta salva la possibilità di integrarlo, nello scrutinio finale relativo all’anno scolastico 2020/21, con riguardo al piano di apprendimento individualizzato di cui all’articolo 6, comma 1.

La medesima possibilità di integrazione dei crediti è comunque consentita, con le tempistiche e le modalità già descritte, per tutti gli studenti, anche se ammessi con media non inferiore a sei decimi, secondo criteri stabiliti dal collegio docenti.

Art 6

 c 3. Ai sensi dell’articolo 1, comma 2 del Decreto legge, le attività relative al piano di apprendimento individualizzato costituiscono attività didattica ordinaria e hanno inizio a decorrere dal 1° settembre 2020.

c 4. Le attività di cui al comma 3 integrano, ove necessario, il primo periodo didattico (trimestre o quadrimestre) e comunque proseguono, se necessarie, per l’intera durata dell’anno scolastico 2020/2021.

c 6. Nel caso del trasferimento tra istituzioni scolastiche, il piano di integrazione degli apprendimenti è trasmesso all’istituzione scolastica di iscrizione.

F.to Il Dirigente Scolastico
Salvatore Angius

Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi
dell’art. 3, comma 2 del decreto legislativo n. 39/1993